292° giorno – A fare la spia ci si guadagna…

Ci sta un tizio oggi in ditta…pare lavorasse qua dal Faraone millenni fa e sia lui che la Capa sbuffano a saperlo di sopra, chiedono perché sia venuto e che cosa voglia o come abbia fatto ad entrare senza che nessuno se ne accorgesse e io mi faccio un dipinto in testa, penso sia qua per raccattare uno straccio di lavoro per sopravvivere, tornare all’ovile come ho fatto io, zitto e muto coda tra le gambe. Quando vado di sopra dai testoni softweristi elettronici lo vedo che parla con uno dei ragazzi, giacca figa, maglione quasi-salmone a collo alto un po’ da checca, capelli lunghi…è li che discute di forniture e fa domande, poi io me ne esco e lo ribecco solo un’ora dopo sulle scale, se ne sta andando e io fermo il ragazzo con cui stava parlando, per farmi i cazzi degli altri giusto un po’…cosi gli chiedo se glielo diamo un lavoro anche a questo povero cristo che sembriamo la Caritas, quasi a moh di scherno, tipo con fare superiore.

“Lavoro? E che gliene frega a quello del lavoro…”
“In che senso…ero convinto fosse qui per quello”
“Ma de che…quello è milionario…aveva una ditta…facevano codici e programmi per le intercettazioni telefoniche…lo stato li riempiva di soldi…un giorno si è rotto il cazzo e ha venduto la sua parte al suo socio…ha passato gli ultimi quattro anni a fare il giro del mondo in barca a vela”
“Cosa? E che ci fa qui”
“Si è rotto le palle di stare in barca e per divertimento si sta inventando qualche progettino…cosi…per passare il tempo…voleva una lista di fornitori”
“Eh…cazzo”
“Eh…”

È che c’erano gli anni novanta un tempo qua in Italia…era un po’ come una specie di festival degli eccessi…dei nuovi anni ’70 per gli imprenditori dove qualsiasi cosa fruttava e andava bene, dal benzinaio al venditore di mollette di legno e lo stato elargiva generoso, copriva d’oro ogni puttanata, maniche aperte senza nemmeno gettare un’occhiata nella borsa…tutta roba che adesso ci sta rovinando che i conti tornano sopra un boomerang e sono solo nostri stile “si ho fatto la cazzata…ma ero giovane…ci sta no? Ancora scusa…ciao eh”…ovvio…forse qualche possibilità ancora c’è…uscirne in qualche modo e cogliere l’opportunità…anche se io ancora non trovo le idee giuste lo ammetto…o forse le avrei anche ma senza competenze per metterle in pratica e a trent’anni son tipo già vecchio e mi sento come se non potessi studiare e imparare e ‘fare’ qualcosa come se il catabolismo cellulare si stia propagando a vista d’occhio e dentro abbia novant’anni…e non dico di provare invidia poi per questo individuo che manco conosco…cioè un po’ si…barca, girare il mondo…cazzo se mi piacerebbe…però dico che adesso è complicato rischiare, c’è paura per le tre verdure che spuntano dall’orto che paiono secche, figurati se puoi stare a pensare di piantare angurie…ed è difficile cercare la combinazione della cassaforte…anche se sai che ti basterebbero quei numeri poi e sarebbe fatta ma la matematica non lascia scampo…potrebbero volerci anni e anni per trovare quella giusta…trenta destra quindici sinistra quarantadue destra…no…non si apre…riproviamo…cosi…quarantacinque sinistra…ancora…venti destra…per quanto…ma si può? Senza certezze…pure un po’ a caso…quindici a sinistra…fino a quando?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...