219° giorno – Asociale

Esco dal cancello e trovo un uomo nero infilato in un furgone bianco di una qualche marca coreana del cazzo. Lo fisso e lui mi fissa per qualche istante, distogliendo gli occhi da una cartellina con bloccafogli in plastica nera. Ha un cappellino ridicolmente colorato giallo e rosso, maglietta dagli stessi colori e sembra vagamente un corriere espresso penso, e mentre cammino per andare a lavoro pure in leggero anticipo penso anche che magari deve consegnare un pacco a qualcuno tra le quattro famiglie della mia reggia beige. Svolto a sinistra costeggiando il meccanico dei camion, sempre pensando e pensando a mille cose, anche che io un pacco lo aspettavo davvero e probabilmente quell’uomo nero cercava proprio me ora che ci penso. Cazzo.

A lavoro entro e timbro…ho fatto un casino con questo foglietto, sarà impossibile fare il calcolo. Vedete, stamattina volevo starmene a casa e sistemare due questioni con il fisco italiano davvero stupide…roba di rimborsi che sarebbero risolvibili con una chiamata e io che gli do un codice IBAN e invece no…tutto deve essere firmato in quattro copie, certificato, registrato, classificato in un preciso edificio della mia grigia città. Quindi, sto li nel letto che mi godo un insolito 8:43 sotto le coperte quando ecco un flash…

“La conferenza!”

Cazzo, mi stavo completamente dimenticando che la Capa ha buttato il mio nome su una mail di ‘conferma partecipazione’ ad una conferenza online su marketing blablabla, solita roba con guru tecno-sciamani, cercatori di Digital-oro, personal trainer della motivazione. Mi alzo, mangio e mi lavo a 402 Megaparsec al secondo, mi fiondo a lavoro mentre la mente si chiede “era alle nove? Alle dieci?”

Timbro alle 9:13, sulla tastiera la mail dell’evento stampata…’ore 14:00′ leggo. Potevo farmi i cazzi miei in tranquillità a quanto pare ma tant’è, me lo merito. Rimango a lavoro fino all’una poi torno a casa, sgranocchio pizza avanzata, ri-esco, uomo nero, pensieri, ditta di nuovo, conferenza.

Inizio a seguirla 20 minuti dopo perché al solito, le cose organizzate in cui “è facilissimo partecipare”, come scrivono i mercanti di fumo, non funzionano mai come si deve. Ti dicono “basta cercare questo e ti compare quello e clicchi play” e tu lo fai però, stranamente, ti ritrovi solo con link che rimandano ad un video parodia di Miley Cyrus e ad uno con un’orca assassina ripresa in un parco acquatico. Grossi dubbi su entrambi.

Partono chiamate su chiamate, risponde gente che dice che quello è in pausa, che lascerà detto, che tra dire il fare c’è di mezzo il mare rosso di sera bel tempo si spera chi troppo vuole poi…nulla stringe. Recupero un tizio in un ristorante che stava al dessert che mi fa girare da un cinese una mail con un link quindi mi collego anche se nel frattempo la mia postazione è circondata da bancari che discutono con la Capa discutendo di fatturati e bilanci, bevendo caffe, sgranocchiando i pistacchi che di solito rubo a manciate. Mi faccio largo, mi siedo di fianco ad un ex-brooker, infilo gli auricolari, mi isolo ad ascoltare tecno-cazzate di un ingegnere del marketing per due ore.

La cosa mi distrugge, quando mi alzo e torno giù senza salutare nessuno, spero di starmene tranquillo nella mia storta-postazione per un paio di ore. Mi ritrovo il laser acceso che butta gas plastici puzzolenti sotto la mia sedia. Il portone è aperto e la temperatura supera a stento i -243 dello spazio profondo.

Sto li fermo in piedi per qualche istante, poi mi rivolgo a Teo.

“Adesso lo spegni vero?”
“Ne devo fare altri cinque fogli”
“Mi levo dal cazzo ciao”

Timbro alle 16:13 ed esco, non saluto nessuno. Torno a casa, guardo dentro la cassetta delle lettere. C’è un fogliettino giallo e rosso, con il mio nome sopra anche se la ‘S’ è scritta al contrario. Mi informa che il tizio nero aveva davvero un pacco per me…che forse passeranno domani, che se ci pensavo un attimo in più a tutta la situazione non ci sarebbe stato bisogno di sprecare un quadratino di cellulosa adesiva.

Avrei potuto avvicinarmi e chiedere se cercava qualcuno…domani in casa non ci sarà nessuno…non avrò mai quel pacco.

Avrei potuto chiedere. Invece no.

Mi sa che le persone non mi piacciono.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...